Blog: http://futbolandia.ilcannocchiale.it

Copa Sudamericana: la finale è America-Arsenal Sarandì

Siamo alle solite: il River di Passarella, nel momento topico della stagione, crolla e torna a casa con un pugno di mosche. La semifinale di Copa Sudamericana, l'attesissiomo derby argentino fra Arsenal Sarandì e River Plate, si conclude con la vittoria ai calci di rigore della squadra della famiglia Grondona, abile a resistere agli attacchi di Ortega e compagni.
Da qualche anno, l'Arsenal è la nota lieta del calcio argentino. Nelle sue fila non militano certo campioni, ma un mix di giocatori reduci da esperienze europee (Biagini, Calderon, Diaz) e certezze locali (il portiere Cuenca, il difensore Matellan), ben orchestrato dal mister Alfaro.
Il River si lecca le ferite, e chissà se Passarella rassegnerà le dimissioni, come promesso tempo fa in caso di assenza di risultati. In questi anni la società ha effettuato investimenti colossali per acquistare nomi di grido (si pensi ad Ortega, Zarate, Rosales, Ojeda) e trattenere certezze (Carrizo, Falcao Garcia e Belluschi): il risultato è la solita stagione deludente.



Gli argentini andranno a giocarsi la finale (e l'accesso alla Recopa) contro i messicani dell'America, che da qualche stagione sono entrati di diritto fra le migliori squadre del continente.
Giocano all'Azteca, e tra le proprie fila annoverano giocatori del calibro di Ochoa, Bilos e il Pocho Insua, ex idolo della Bombonera.



Ma a regalare la finale di Coppa sono state due vecchie conoscenze del calcio italiano, Hernan Rodrigo Lopez (un passato nel Torino), autore di una doppietta, e l'ex laziale Castroman, uomo assist dell'incontro. Stesi i colombiani del Millionarios, toccherà ora all'Arsenal de Sarandì?

Redondo

Pubblicato il 15/11/2007 alle 13.43 nella rubrica Competizioni Continentali.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web