.
Annunci online

futbolandia
Un blog per celebrare il calcio che conta


Competizioni Continentali


16 maggio 2008

Salvador Cabanas

L'andata dei quarti di finale di Copa Libertadores - Santander ha portato emozioni e sorprese, ma preferirei attendere l'esito dei match di ritorno per esprimere una valutazione. L'unica certezza rimane un attaccante tanto bravo quanto sottovalutato: a deliziare i campi dell'America Latina è stato ancora una volta Salvador Cabanas. Con la doppietta di ieri, El Chava ha raggiunto quota 6 reti in Copa, regalando ai messicani "mezza" qualificazione alle semifinali.

Cabanas nasce il 5 agosto 1980 ad Asuncion (Paraguay), e muove i primi passi nel 12 de Octubre. Si trasferisce in Cile, con l'Audax Italiano si laurea capocannoniere dell'Apertura 2003, e si fa notare per quelle che sono le sue caratteristiche fondamentali. Fisico non certo asciutto, ottimo scatto, destro fulminante e innato senso del gol gli consentono di trasferirsi nel prestigioso campionato messicano, con la maglia dei Jaguares. Il titolo di cannoniere del Clausura 2006 gli permette di strappare un contratto con la più gloriosa squadra del Messico: l'America, nelle cui fila militano giocatori del calibro di Chuatemoc Blanco e Francisco Ochoa.



Salvador diventa il miglior realizzatore della squadra con 28 reti, laureandosi capocannoniere della Copa Libertadores con 10 centri. La magica stagione gli vale il titolo di calciatore paraguayano dell'anno, ma soprattutto il titolo di calciatore latino-americano del 2007. Il cammino di Cabanas con la nazionale, nonostante le tre reti siglate in Copa America 2007, si limita a sole 5 realizzazioni, forse un pò troppo oscurato dalle stelle Roque Santa Cruz e Oscar Cardozo.

E ora, qualche rete del nostro bomber. Io e Brahma crediamo profondamente in te:
Magie di Cabanas

Redondo




permalink | inviato da futbolandia il 16/5/2008 alle 20:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


15 novembre 2007

Copa Sudamericana: la finale è America-Arsenal Sarandì

Siamo alle solite: il River di Passarella, nel momento topico della stagione, crolla e torna a casa con un pugno di mosche. La semifinale di Copa Sudamericana, l'attesissiomo derby argentino fra Arsenal Sarandì e River Plate, si conclude con la vittoria ai calci di rigore della squadra della famiglia Grondona, abile a resistere agli attacchi di Ortega e compagni.
Da qualche anno, l'Arsenal è la nota lieta del calcio argentino. Nelle sue fila non militano certo campioni, ma un mix di giocatori reduci da esperienze europee (Biagini, Calderon, Diaz) e certezze locali (il portiere Cuenca, il difensore Matellan), ben orchestrato dal mister Alfaro.
Il River si lecca le ferite, e chissà se Passarella rassegnerà le dimissioni, come promesso tempo fa in caso di assenza di risultati. In questi anni la società ha effettuato investimenti colossali per acquistare nomi di grido (si pensi ad Ortega, Zarate, Rosales, Ojeda) e trattenere certezze (Carrizo, Falcao Garcia e Belluschi): il risultato è la solita stagione deludente.



Gli argentini andranno a giocarsi la finale (e l'accesso alla Recopa) contro i messicani dell'America, che da qualche stagione sono entrati di diritto fra le migliori squadre del continente.
Giocano all'Azteca, e tra le proprie fila annoverano giocatori del calibro di Ochoa, Bilos e il Pocho Insua, ex idolo della Bombonera.



Ma a regalare la finale di Coppa sono state due vecchie conoscenze del calcio italiano, Hernan Rodrigo Lopez (un passato nel Torino), autore di una doppietta, e l'ex laziale Castroman, uomo assist dell'incontro. Stesi i colombiani del Millionarios, toccherà ora all'Arsenal de Sarandì?

Redondo




permalink | inviato da futbolandia il 15/11/2007 alle 13:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa


18 ottobre 2007

Riscatto a ritmo di samba

Fra martedì e mercoledì, si è disputato il secondo turno del girone sudamericano di qualificazione ai Mondiali, che si disputeranno nel 2010 in Sudafrica. Rispetto al primo turno, non si sono riscontrate sorprese, mentre è arrivato il pronto riscatto del Brasile.

Venezuela 0 – Argentina 2
L'Argentina ha battuto agevolmente il Venezuela, sotto di due reti dopo la prima frazione di gioco. Si e' giocato a Maracaibo, terreno assai mal digerito dagli argentini, in cui pochi mesi fa incontrarono una delle più grandi delusioni della storia recente (Copa America). La prima rete, firmata da Gabriel Milito al 16', è frutto di una pennellata di Juan Roman Riquelme, mentre lo spunto di Lionel Messi al 43' ha chiuso la partita.
Un Venezuela troppo presuntuoso, vista l’incoraggiante vittoria nella prima giornata in casa dell’Ecuador, si è leggermente sgonfiato, subendo una dura lezione di calcio dai ragazzi di Basile.
Vittoria argentina

Paraguay 1 – Uruguay 0
Il Paraguay ha ottenuto in casa la sua prima vittoria sulla strada verso Sudafrica 2010, sconfiggendo 1-0 al Defensores del Chaco di Asuncion l'Uruguay e scavalcandolo in classifica.
Il gol partita è stato realizzato dall'attaccante del Borussia Dortmund Nelson Haedo Valdez, pescato benissimo da Salvador Cabañas e facilitato da un’incomprensione dei centrali ospiti Godìn e Scotti.
Il Paraguay ha sostanzialmente meritato il successo, sfiorando il gol del raddoppio con i tiri dalla distanza di Barreto e Cabañas finiti di poco fuori rispetto alla porta di Carini.
L’Uruguay ha avuto una buona chance di pareggio con centrocampista del Benfica Rodriguez, mentre nella ripresa gli uomini di Tabarez hanno faticato nell’imbastire interessanti azioni da rete.
Si ferma dunque l'Uruguay dopo la cinquina rifilata all'esordio alla Bolivia, risultato che consente all'Argentina di rimanere sola in vetta al girone di qualificazione ai Mondiali.
La bella prova del Paraguay

Brasile 5 – Ecuador 0
Nel giorno del ritorno allo stadio Maracana, il Brasile rifila al malcapitato Ecuador una secca sconfitta, che non rende onore ad una nazionale che negli ultimi anni è cresciuta molto.
Robinho ha servito l’assist per il primo gol brasiliano, giunto al 19` con Vagner Love, poi è Ronaldinho a trovare una deviazione-gol al 73’. La nazionale di Suarez crolla sotto i colpi di Kaka nel finale: doppietta del rossonero ed assist per il centrocampista del Man City Elano Blumer.
In attesa di vedere Pato, e di non assistere più all’osceno Afonso Alves, una vittoria convincente della squadra di Dunga anche se troppo eccessiva.
La goleada verde-oro



Bolivia 0 – Colombia 0
Poche emozioni in altura, fra due squadre che avranno pochissime chance di qualificazione. Poco propositivi gli avanti di casa, mentre gli ospiti hanno badato a difendere più che fare la partita.
Pareggio povero di emozioni

Cile 2 – Peru 0
Pronto riscatto della nazionale roja, dopo la sconfitta nel match di esordio con l’albiceleste. Mattatore dell’incontro è stato il trequartista del Villareal Mati Fernandez, che ha sfoggiato numeri di alta scuola oltrechè la rete del definitivo 2-0. A sbloccare l’incontro, come spesso accade, il centravanti del Monterrey Humberto “El Chupete” Suazo, giocatore che le grandi squadre si sono fatte sfuggire troppo facilmente.

Redondo




permalink | inviato da futbolandia il 18/10/2007 alle 13:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia     novembre       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Samba
Tango
Competizioni Continentali
Miti del passato
Giovani promesse
News dal Vecchio Continente
Speciale Copa America 2007
Mondiale per club
Attuali cittadini di Futbolandia
Mondiali 2010

VAI A VEDERE

Boca Juniors
Vasco da Gama
Imberido
Drink Tim
Tempi Supplementari
Pitacos do Bodaum
Gambetas
Futebol,Musica e Etc
Persio Presotto
Blog di Victor
Blog di Flavio e Drika
Pepps
Alessarda
Bar delle Antille
Blog di Lady Cyntia
Peñarol
LDU Quito
Calcio d'angolo
Quattro tratti
Além das Quatro Linhas
Diego
Ma.Le.
Il calcio mi ha salvato
Pianeta Boca
Jaguares
Colo Colo
Cucuta
Libertad
Alianza Lima
Calcio Lecco
Clarin
Puppenfesten
Latino America
Rede Record



Fernando Redondo


Romario de Souza Faria


Roberto Dinamite


Juan Roman Riquelme


Teofilo Cubillas


Lajos Detari


Socrates


Carlos Valderrama


Tomas Locatelli


Carlos Bianchi


Francisco Maturana


Dirceu


José Saturnino Cardozo


Ruben Paz

CERCA